martedì 26 ottobre 2010

Un amore insolito

La mia più grande amica abita a più di ottocento chilometri.
Ci siamo viste una sola volta, parlate al telefono rarissime volte, viste perlopiù attraverso le foto scattate nei mesi. Non possiamo condividere giornate al mare, serate al pub, concerti, compleanni, nemmeno un pranzo o una cena.
In certi pomeriggi il mio desiderio più grande sarebbe finire di mangiare, scendere in paese e suonarle al citofono: Nady, mi accompagni a comprare due etti di prosciutto, una teglia di focaccia e un chilo di Nutella?
E invece la nostra amicizia corre sulla tastiera e passa per decine di sms.
Questo blog sarà il nostro esclusivo sistema di condividere passioni, agnosticismi, musica, foto, indignazioni, cinema, esperienze, annedoti, libri, ideali e un fiume di allegre stronzate. Nadia, continua tu!

Grazie, amica mangiona! Però non iniziamo con la commozione, eh!
Con una premessa del genere non saprei come continuare, ma vorrei precisare solamente che non siamo esibizioniste in foto, qualcuno potrebbe fraintendere!
Le nostre menti (in)sane vi faranno leggere i migliori pensieri mai usciti da materie grigie umane, vicende assurdamente vere, critiche lodevoli, ovvietà strane e, tradizionalmente, messaggi personali! Infine, vorrei dire che siamo portatrici sane di illuminazioni e ironia le quali non sono malattie infettive!
Un saluto a Giuseppe Peveri: il titolo del blog è un omaggio alla sua musica che forgia le nostre emozioni. Alle sue vene che sanno scatenare i nostri fluidi erotici va tutta la nostra devozione.
Istruzioni all'uso di questo spazio:
Se sei simpatico, siamo simpatiche anche noi. Se ti credi 'sto cazzo, rispondiamo a modo.
 
S. e N.

Nessun commento:

Posta un commento