giovedì 27 settembre 2012

Ritorno con stile


Buon pomeriggio carissimi lettori, è da un po' di tempo che non scriviamo ma abbiamo avuto un'estate intensa, io ho constatato di essere un mulo da soma e la cosa non mi ha stupito affatto!E poi si sa che abbiamo periodi colmi di vena letteraria e altri meno, la costanza non ci appartiene, altrimenti saremmo già famose, magari vivremmo a Londra o Parigi e saremmo ricercate lavorativamente e non in tutto il mondo.Ma bando alle sciocchezza.Potevo non parlare di un altro disco uscito per l' etichetta più figa che abbiamo in Italia, la Garrincha Dischi?(per chi avesse perso qualche puntata è meglio specificare) Ovviamente no e quindi oggi vi consiglio "Aiuole Spartitraffico Coltivate a Grano" di Jocelyn Pulsar, un album di dieci canzoni, numero perfetto con il tre, che sono percorse da una scia di nostalgia per il passato e non. Ok, qualcuno potrà osservare che non è proprio un' uscita recente (Marzo), ma la mia lentezza all'ascolto è ormai famosa e quindi, ahimè, devo ancora approfondire gli album precedenti dello stesso (quattro o cinque? non ho ben capito). Il viaggio nella nostalgia inizia con una canzone d'amore delicata, con un testo, a volte, un po' forzato ma nello stesso tempo autentico. "Cartoline" è la canzone che tutti ( si fa per dire) avremmo potuto scrivere pensando alle estati a mare da piccoli, quando sulla rotonda ci si andava per giocare e non per bere. Di seguito, a mio modestissimo parere, arriva una delle più belle canzoni del disco, con "Lasciami con Stile" e "Domani non Vengo", "La Soggettiva del Frigo" con il suo bel verso " A carnevale mi travesto da me stesso così non mi riconosce nessuno" e il bell'arrangiamento. Dopo un pezzo di amicizia e amore adolescenziale "Vale, Stefy, Cri" parte il pezzo "Me lo ricordo" che se non sei un fan di calcio, nato negl'anni ottanta non potrai mai capire. Sempre legato al tema del calcio troviamo "Inevitabilmente, naturalmente, il Cesena perde" , che dimostra che se la tua donna ti lascia anche la tua squadra del cuore fa i capricci, ma quando lei finalmente torna, la tua squadra sembra che vinca ma non è così perchè non ti può andare tutto bene nella vita. "Sono tre giorni che piove" è un inno alla bella tristezza che ti coglie quando una storia finisce e fuori piove espressa anche con l'ottima musica. "Fagocitato" è l'ultima canzone che chiude il tutto con un malinconico semi-ritornello.Ricapitolando questo cd merita ben più di un ascolto, merita di essere comprato e ascoltato fino a consumarlo; la semplicità non è mai stata così bella e interessante come in questo cd, perchè a volte si ha bisogno di versi semplici e freschi, ironici e delicati per farti canticchiare e sorridere da solo quando ne hai bisogno. 
Comprate Jocelyn Pulsar e andate ai suoi concerti (io lo aspetto a Novembre!). 
Buona musica a tutti. 
Con amore. 
N.
 

2 commenti:

  1. Io li ho gli album precedenti, chiedi e ti sarà dato :D
    Torniamo con gioia a scrivere di musica, in maniera deliziosa! Viva Nadia!

    S.

    RispondiElimina
  2. Come fai ad avere sempre tutto quello che voglio io? :D
    Viva la buona musica!
    N.

    RispondiElimina