domenica 12 novembre 2017

One shot review: la libreria del buon romanzo- Laurence Cossè

Anno: 2011
Paese: Francia
Autore: Laurence Cossé
Genere: narrativa, giallo
Pagine: 402
Sinossi: due appassionati lettori decidono di aprire a Parigi una libreria insensibile alle novità, agli editori, ai rappresentanti, ma solo ai bei romanzi, scelti da una selezione anonima di otto scrittori francesi. L'idea ha successo clamoroso e insieme all'ammirazione si guadagna l'ostilità di misteriosi e violenti sabotatori.

Un soggetto insolito e sviluppato in maniera originale, con abili flashback narrativi che presentano una collezione nutrita di personaggi interessanti e caratterizzati con cura. L'intuizione di un manipolo di letterati in eroica difesa dei libri e degli scrittori che contano, incuranti al concetto di mercato commerciale, a mio parere incuriosice a sufficienza. Talvolta ho avuto la fastidiosa senzazione che a tratti i personaggi si riempissero la bocca di titoli come se elencassero frutta di stagione, una forma di snobismo intellettuale per cui comincio a grattarmi furiosamente. Le vicende amorose le ho trovate incitamenti al diabete coatto, ma sospetto ormai che sia un mio problema. Non mi ha spettinata come i venti della sera di De Andrè, ma non è stato affatto tempo perso.

Sono in molti a ospitare in sé qualcuno che non gli somiglia affatto, non trova?

Nessun commento:

Posta un commento